Otaku

Otaku


Un Viaggio attraverso uno dei simboli dell’identità giapponese?
Otaku, Anime Manga…Tokyo… una città tutta da scoprire

Prima di partire è importante capire e sono molti i profili chiave per capire lo spirito del Giappone
Spesso siamo affascinati dal Giappone non solo per la storia dei Samurai o della Geisha o per la spiritualità ma anche per atteggiamenti e comportamenti che ci sembrano insoliti se non addirittura eccessivi o “da invasati”.
La diversità è esperienza e conoscenza ma nel caso di Giappone è una forma d’arte che fa parte dell’anima giapponese.

Chiariamoci con un po’ di termini... e una piccola premessa.
Il fumetto in Giappone è considerato un vero e proprio genere letterario.
Gli Anime e i manga sono parte integrante della cultura giapponese. I manga e gli anime sono una vera e propria espressione della cultura artistica, importanti come la lettura e al cinema e quindi si rivolgono a tutte le fasce dell’età. Nelle trame delle storie e nel caratteri dei personaggi ci sono sempre richiami alla cultura e alle tradizioni giapponesi.
“Otaku”... Termini della lingua giapponese che dagli anni ottanta ha iniziato ad indicare appassionati in maniera ossessiva dei manga. Ha assunto diverse connotazione alcune fortemente dispregiative. Questa parola si è continuata a trasformare fino a sottolineare la passione per il mondo dell’animazione.
Manga significa “ immagini stravaganti” e nella cultura giapponese sono in bianco e nero e a partire dagli anni 50’ si diffondono in maniera esponenziale. Ogni fumetto mira a fornire un insegnamento morale. C’è costantemente un mix tra mondo reale e mondo della fantasia. I manga si leggono al contrario dall’ultima pagina fino alla prima il testo è ridotto al minimo e si attribuisce maggiore importanza alle immagini.

Gli anime deriva dal termine animation sono dei cartoni animati che vengono dai Manga più famosi.
Cosa sono i manga caffè? Luoghi in cui è possibile degustare caffè e leggere fumetti messi a disposizione della clientela. cospay? E’ una persona che indossa costume di un manga, anime o videogame. I cosplay possono essere fatte con le proprie mani oppure comprati. Non bisogna solo indossare il costume ma interpretarlo viverlo. Coinvolge persone di tutte le fasce d’età ma esprime il proprio accanimento personale ad un personaggio trasformandosi per qualche ora e uscendo dalla routine e dalla quotidianità. Oggi la sua diffusione è mondiale e ci sono vere e proprie fiere dedicate all’evento. Uno dei punti di incontro dove è possibile vederli sono i Comic market a Tokyo ma ci sono parecchie aree di Tokyo comprese la metro dove è possibile incontrorli tipo Harajuki. L’evoluzione continua aggi alcuni azzardano il nome di crossplay qunado un cosplayer indossa un personaggio di sesso opposto.
Oggi si parla anche hikikomori e neet? I primi solo coloro che hanno scelto di ritirarsi dalla vita social, i secondi non sono impegnati nel ricevere istruzione o formazione.

Posti assolutamente da vedere
1) Museo Ghibli: luogo interamente dedicato e ispirato alle più fortunate produzioni dello Studio Ghibli
2) Tokyo anime center: centro completamente interattivo
3) AKihabara: fumetterie negozi a tema e gadget
4) Kyoto international Manga museum
Condividilo su: